Rapporto Sullo Stato Di Rischio Del Territorio Italiano 2017-Books Pdf

RAPPORTO SULLO STATO DI RISCHIO DEL TERRITORIO ITALIANO 2017
10 Nov 2019 | 1.3K views | 2 downloads | 14 Pages | 1.20 MB

Share Pdf : Rapporto Sullo Stato Di Rischio Del Territorio Italiano 2017

Download and Preview : Rapporto Sullo Stato Di Rischio Del Territorio Italiano 2017


Report CopyRight/DMCA Form For : Rapporto Sullo Stato Di Rischio Del Territorio Italiano 2017



Transcription

LA FRAGILIT DEL TERRITORIO ITALIANO RISPETTO, AL RISCHIO NATURALE. 8 2 MILIONI DI PERSONE A RISCHIO ALTO, 11 6 MILIONI A RISCHIO MEDIO ALTO. Se per ciascun comune grazie al lavoro delle Autorit di Bacino dell ISPRA e della Protezione Civile si. conosce l esposizione al rischio naturale legato al dissesto idrogeologico o alla sismicit ci che non mai. stato analizzato come la combinazione del rischio ricada sui territori In molti comuni italiani sono presenti. contestualmente il rischio simico il rischio di frana il rischio di alluvione un elevata impermeabilizzazione dei. suoli ovvero elementi che se combinati amplificano esponenzialmente le conseguenze per la popolazione . stato sviluppato dunque un primo tentativo per individuare in quali comuni d Italia si concentrano i pericoli. di origine naturale valutando il rischio in funzione della popolazione esposta In particolare sono stati. considerati e valutati il peso della superficie comunale esposta al rischio idrogeologico la quota di suolo. impermeabilizzato la classificazione sismica comunale il numero di eventi di dissesto che si sono verificati. 1, nell ultimo secolo nei comuni la popolazione esposta al pericolo sismico di frana e di alluvione . comuni italiani in base all indice di pericolosit naturale 2017. 100000 0 2500 0, 1966 0, 80000 0 1728 0 2000 0, 1690 0. 60000 0 1500 0, 1122 0 1099 0, 40000 0 1000 0, 442 0.
20000 0 500 0, 0 0, Minimo Basso Medio basso Medio Medio alto Alto. superficie kmq popolazione 000 numero,Fonte elaborazione CRESME su fonti varie. 1, A questo scopo sono stati analizzati i dati pubblicati di recente dai dipartimenti di ministeriali di competenza Per quanto riguarda il. rischio idrogeologico si partiti dal quadro nazionale elaborato a fine 2015 da ISPRA e presentato nel rapporto 233 2015 Dissesto. idrogeologico in Italia pericolosit e indicatori di rischio Esso presenta una mosaicatura delle aree a pericolosit da frana dei Piani di. Assetto Idrogeologico PAI e delle aree a pericolosit idraulica ai sensi del D Lgs 49 2010 recepimento della Direttiva Alluvioni. 2007 60 CE perimetrate dalle Autorit di Bacino Regioni e Province Autonome sul proprio territorio di competenza Per quanto. riguarda il rischio sismico stata utilizzata la classificazione sismica dei comuni italiani fatta dalla Protezione Civile nel 2015 fatta in. base all intensit e frequenza dei terremoti del passato che attribuisce ad ogni comune una classe di rischio Per quanto riguarda. l impermeabilizzazione del suolo sono stati considerati i rapporti su Il consumo di suolo in Italia pubblicati da ISPRA nel 2015 e nel. 2016 che misurano la quota comunale di superficie impermeabilizzata Per gli eventi di dissesto sono stati analizzati i dati storici del. progetto AVI del Consiglio Nazionale delle Ricerche integrati con i dati raccolti dall Osservatorio CRESME Non stato utile per questo. lavoro lo studio realizzato da Casa Italia Rapporto sulla Promozione della sicurezza dai Rischi naturali del Patrimonio abitativo 2017. 2, In Italia il 27 dei comuni ha un rischio naturale alto o medio alto pari a 2 132 comuni i quali hanno una. superficie territoriale complessiva di quasi 95 000 kmq pari al 31 del totale del territorio nazionale e una. popolazione 19 8 milioni di abitanti pari al 34 , I comuni a rischio alto sono 442 interessano quasi 18 000 kmq 5 9 della superficie nazionale e sono.
abitati da 8 2 milioni di abitanti il 13 7 della popolazione italiana I comuni a rischio medio alto sono 1690 . interessano quasi 77 000 kmq il 25 del territorio nazionale e sono abitati da 11 6 milioni di persone . Superficie territoriale a rischio naturale elevato kmq . Numero, Livello di SUPERFICIE POPOLAZIONE, comuni. rischio, numero kmq Popolazione ,Minimo 1 966 24 4 70 222 23 2 6 680 174 11 2. Basso 1 728 21 5 50 502 16 7 10 936 705 18 4, Medio basso 1 122 13 9 33 317 11 0 11 258 415 18 9. Medio 1 099 13 7 53 159 17 6 10 754 621 18 1,Medio alto 1 690 21 0 76 971 25 5 11 642 604 19 6. Alto 442 5 5 17 899 5 9 8 161 225 13 7,TOTALE 8 047 100 0 302 070 100 0 59 433 744 100 0.
Fonte elaborazione CRESME su fonti varie, Per dare un idea dell esposizione al pericolo del territorio nazionale si consideri che . secondo i dati ISPRA in Italia le aree ad elevato pericolo di frana P3 P4 sono pari a 23 928 kmq e. interessano 1 2 milioni di persone , le aree ad elevato pericolo di alluvione P3 occupano 12 305 kmq e interessano 1 9 milioni di. persone , Secondo ISPRA il suolo impermeabilizzato in Italia ammonta a circa 21 000 kmq . Secondo i dati della Protezione Civile i comuni ad elevato rischio sismico riguardano una superficie. territoriale di 133 411 kmq e una popolazione di oltre 21 milioni di persone . Ripartizione dei comuni italiani in base all indice di pericolosit naturale 2017. numero superificie Popolazione, Alto Alto Alto Minim. 6 6 14 o, Minim Minimo 11 , Medio, o 23 , alto Medio.
24 , 21 alto Basso, 25 Medio 18 , alto, 20 , Medio Basso. 14 Basso 17 , Medio 21 Medio, Medio Medio basso, basso 18 Medio. basso 19 , 14 18 , 11 ,Fonte elaborazione CRESME su fonti varie. 3, In questo lavoro i comuni italiani sono stati suddivisi in base ad un indice di rischio naturale suddiviso in sei. classi determinate sulla base della valutazione combinata delle due tipologie di rischio naturale sismico e. idrogeologico insieme all impermeabilizzazione del suolo misurate sia in termini relativi ossia rispetto alla. quota di superficie e di popolazione comunale esposta ai rischi sia in termini assoluti ossia rispetto al. numero di persone esposte , Osservando i risultati i comuni pi esposti al rischio si trovano lungo la dorsale appenninica della penisola .
in Sicilia e nelle prealpi venete Questi comuni sono interessati sia da una elevata sismicit tutti i comuni. rientrano nella zona sismica 1 o 2 sia da problemi di dissesto idrogeologico ampie aree comunali a rischio. elevato di frana o di alluvione nelle quali insistono attivit economiche o abitazioni Tale condizione espone. ad un rischio un elevato numero di persone , Tra i comuni con rischio pi elevato emergono alcune citt quali Napoli Palermo Catania Messina Brescia . Reggio Calabria Perugia Foggia Rimini Salerno solo per citare le principali Queste citt sono tutte in zona. sismica 1 o 2 in media la superficie ad elevato rischio di frana rappresenta il 5 4 della superficie comunale. e quella ad elevato rischio di alluvione pari all 8 5 . Indice di pericolosit naturale dei comuni italiani nel 2017. Fonte elaborazione CRESME su fonti varie, 4, Risultati. I comuni considerati ad alto rischio naturale sono caratterizzati da un elevata incidenza dei tre fattori di. rischio naturale frana alluvione e sisma ovvero un elevata quota di superficie territoriale e di popolazione . esposta al rischio , Superficie territoriale a rischio naturale elevato kmq . Numero, Livello di TOTALE Frana Alluvione Sismico. comuni, rischio, numero kmq kmq kmq kmq , Minimo 1 966 24 4 70 222 23 2 961 4 0 718 5 8 0 0 0.
Basso 1 728 21 5 50 502 16 7 2 935 12 3 2 218 18 0 0 0 0. Medio basso 1 122 13 9 33 317 11 0 4 918 20 6 3 408 27 7 0 0 0. Medio 1 099 13 7 53 159 17 6 5 360 22 4 2 740 22 3 38 541 28 9. Medio alto 1 690 21 0 76 971 25 5 5 190 21 7 2 052 16 7 76 971 57 7. Alto 442 5 5 17 899 5 9 4 564 19 1 1 169 9 5 17 899 13 4. TOTALE 8 047 100 0 302 070 100 0 23 928 100 0 12 305 100 0 133 411 100 0. Fonte elaborazione CRESME su fonti varie, Come i comuni a rischio alto i comuni classificati a rischio medio alto sono caratterizzati dalla compresenza. dei tre elementi di rischio naturale Per tutti la sismicit elevata complessivamente qui vivono oltre 11 6. milioni di persone di cui 297 940 nelle aree a rischio frana elevato pari a 5 200 kmq e 174 361 persone. nelle aree a pericolosit di alluvione elevata pari a 2 052 kmq . Anche nei comuni a rischio medio esistono contemporaneamente i tre elementi di rischio naturale ben. 38 540 kmq sono in zona sismica 1 o 2 dove risiedono oltre 2 milioni di persone nelle aree ad elevato. rischio di frana pari a 5 360 kmq risiedono 234mila persone mentre nelle aree ad elevato rischio di. alluvione pari a 2 740 kmq risiedono 740mila persone . I comuni classificati a rischio medio basso sono 1 122 tra i quali non vi sono comuni ad elevato rischio. sismico ma che hanno aree ad elevato rischio di frana pari a 4 918 kmq e aree ad elevato rischio si. alluvione pari a 3 408 kmq In particolare nelle prime risiedono 205mila persone e nelle seconde oltre. 415mila , Popolazione residente nelle aree a rischio naturale elevato. Numero, Livello di TOTALE Frana Alluvione Sismico. comuni, rischio, numero Popolazione Popolazione Popolazione Popolazione . Minimo 1 966 24 4 6 680 174 11 2 33 634 2 7 51 045 2 6 0 0 0. Basso 1 728 21 5 10 936 705 18 4 101 009 8 3 225 309 11 6 0 0 0. Medio basso 1 122 13 9 11 258 415 18 9 205 154 16 8 415 466 21 5 0 0 0. Medio 1 099 13 7 10 754 621 18 1 234 048 19 1 739 715 38 2 2 093 807 9 6. Medio alto 1 690 21 0 11 642 604 19 6 297 940 24 3 174 361 9 0 11 641 717 53 2. Alto 442 5 5 8 161 225 13 7 352 216 28 8 329 837 17 0 8 161 225 37 3. TOTALE 8 047 100 0 59 433 744 100 0 1 224 001 100 0 1 935 732 100 0 21 896 749 100 0. Fonte elaborazione CRESME su fonti varie, Altri 1728 comuni sono classificati a rischio basso e su una superficie complessiva di 50 502 kmq ben 2 935.
sono a rischio di frana elevato e 2 218 a rischio di alluvione La loro popolazione sfiora gli 11 milioni di. 5, abitanti di cui 101 mila residenti nelle aree a rischio di frana elevato e oltre 225 mila nelle aree a rischio di. alluvione elevato , Il rischio minimo per 1 966 comuni nei quali non vi rischio sismico e solo una quota limitata di. popolazione e superficie esposta al rischio idrogeologico Complessivamente in questi comuni a rischio. frana elevato si trovano 33 600 persone per 960 kmq e nelle aree di pericolosit di alluvione elevata pari a. 718 kmq si trovano 51 000 persone ,Risultati nelle regioni. Nei comuni classificati a rischio naturale alto o medio alto risiedono oltre 20 milioni di persone delle quali 5 3. milioni in Campania e ben 4 milioni in Sicilia In queste regioni il pericolo da frana interessa rispettivamente. 189 000 e 12 500 persone il pericolo di alluvione riguarda 60 000 persone in Campania e 20 800 in Sicilia . Nel Lazio e in Calabria la popolazione residente nei comuni classificati a rischio alto o medio alto ammonta a. circa 1 7 milioni di persone In particolare in Calabria 12 500 persone sono in aree a pericolo di frana elevata. e 20 800 persone nelle aree a pericolo di alluvione nel Lazio 13 500 persone sono in aree a pericolo di frana. e 11 200 a pericolo di alluvione Tra le situazioni pi problematiche da segnalare l Emilia Romagna per. l esposizione al rischio di alluvione con 171 500 persone esposte a questo problema e altre 35 300 persone. che vivono nelle aree di pericolo di frana , Popolazione residente nei comuni classificati a rischio alto o medio alto. Campania, Sicilia, Lazio, Calabria, Marche, Emilia Romagna.
Puglia, Umbria, Abruzzo, Toscana, Friuli Venezia Giulia. Lombardia, Veneto, Basilicata, Molise, Sardegna, Liguria. Trentino Alto Adige, Valle d Aosta, Piemonte, 0 1000000 0 2000000 0 3000000 0 4000000 0 5000000 0 6000000 0. alto medio alto,Fonte elaborazione CRESME su fonti varie. Le regioni che non hanno comuni classificati come a rischio alto o medio alto sono Liguria Trentino Alto. Adige Valle d Aosta e Piemonte nelle quali comunque sono presenti aree a pericolo di frana e di alluvione. ma nelle quali la popolazione esposta meno rispetto alle altre regioni . 6, I componenti dell indicatore di rischio naturale.
La classificazione comunale il prodotto della combinazione delle quattro componenti dell esposizione al. rischio ovvero la quota di superficie esposta a rischio frana alluvione e sismico numero di eventi con danni. diretti alle persone popolazione esposta al rischio naturale sia in termini assoluti che rispetto ai residenti in. ciascun comune , Quota di superficie, La quota di superficie comunale esposta a pericolo frana elevato P3 P4 a pericolo di alluvione elevato. P3 e rischio sismico elevato classe 1 o 2 e elevata impermeabilizzazione dei suoli una parte. fondamentale dell indicatore di rischio comunale La componente di territorio esposto al rischio naturale fa. emergere un rischio alto per molti comuni dell area napoletana dell appennino lucano delle prealpi apuane. e della zona bolognese Questi comuni sono fortemente caratterizzati dal rischio frana e dall elevata. sismicit I comuni caratterizzati da rischio medio alto distribuiti lungo tutta la dorsale appenninica ma anche. in Friuli e Valle d Aosta sono caratterizzati principalmente dall elevata sismicit Per i comuni a rischio medio. le tre componenti di rischio si distribuiscono uniformemente mentre per i comuni a rischio pi basso non si. ha l elevata sismicit , Numero di eventi di dissesto. Il numero di eventi di dissesto idrogeologico che hanno coinvolto i comuni italiani nell ultimo secolo ha una. valenza secondaria per la composizione dell indicatore comunale Questa componente non ha una. concentrazione territoriale particolare e si distribuisce uniformemente nelle sei classi rispetto alla. I comuni a rischio alto sono 442 interessano quasi 18 000 kmq 5 9 della superficie nazionale e sono abitati da 8 2 milioni di abitanti il 13 7 della popolazione italiana I comuni a rischio medio alto sono 1690 interessano quasi 77 000 kmq il 25 del territorio nazionale e sono abitati da 11 6 milioni di persone

Related Books

About the 4 H Science Toolkit Series Animal Science

About the 4 H Science Toolkit Series Animal Science

About the 4 H Science Toolkit Series Animal Science Learn how animals protect themselves from disease and illness Basic Behavior Instincts Learn to read behavioral signals from animals and discover why they behave the way they do in the wild Respiration Discover the basic parts of the respiratory system in animals and in humans and learn about respiration rates for different animals

Rhode Island Department of Environmental Management

Rhode Island Department of Environmental Management

contagious disease or zoonotic disease of animals as quickly as possible and return Rhode Island and the United States to a disease free status A presumptive positive case will generate immediate appropriate local and national measures to accurately diagnose the disease and minimize any potential spread of infection A confirmed positive case

Oregon Pesticide Applicator Training Manual

Oregon Pesticide Applicator Training Manual

OREGON PESTICIDE APPLICATOR TRAINING MANUAL SEED TREATMENT Poison Center The Poison Center has been established to provide information about the treatment of poisoning cases Anyone with a poisoning emergency can call the toll free telephone number for help 24 hours a day Personnel at the Poison Center will give first aid instructions and direct you to local treatment centers if necessary

Research Article Global Stability of a Delayed SIRI

Research Article Global Stability of a Delayed SIRI

Research Article Global Stability of a Delayed SIRI Epidemic Model with Nonlinear Incidence AmineBernoussi 1 AbdelilahKaddar 2 andSaidAsserda 1 D epartement de Math ematiques Facult e des Sciences Universit e Ibn Tofail Campus Universitaire BP K enitra Morocco

Institute for Sustainable Food Systems 2017 Report

Institute for Sustainable Food Systems 2017 Report

Institute for Sustainable Food Systems 2017 Report Introduction The Institute for Sustainable Food Systems ISFS was created in the Fall of 2015 and has assembled some of the very best experts to work together to address challenges facing global food systems to deliver food security Our research falls into four broad categories Food Health and Nutrition Global Food Security Tools for

PIGGERY BOOKLET ENGLISH ANIMAL HUSBANDRY Livestock

PIGGERY BOOKLET ENGLISH ANIMAL HUSBANDRY Livestock

su pp or t st r ct u e s n o e a s on er c on c et e d i n t u r m n y r o se ct i n feed trough water feed trough ter 8 x 7 8 x 7 8 x 7 8 x 7 18 x18 18 x18 18 x18 3 x1 6 18 x18 3 x1 6 3 x1 6 level 0 1 level 0 1 evl 0 1 1 level 0 1 level 0 1 lev el 0 1 lv 0 1 evl 0 2 e l 0 2 level 0 2 ev 0 2 1 6 4 8 1 6 8

The Control of Neglected Zoonotic Diseases

The Control of Neglected Zoonotic Diseases

04 Acknowledgements The fourth international meeting on Neglected Zoonotic Diseases NZD4 was organised by Bernadette Abela Ridder WHO Sue Welburn UOE1 Maria Vang Johansen UCPH 1 Alex Shaw AVIA GIS Paul Gibbs UOF Katinka de Balogh FAO Jim Scudamore UOL 1 Christopher Saarnak UCPH Alex Thiermann OIE Samson Mukaratirwa UKZN 1 and Peter Holmes UOG

The Global Livestock Impact Mapping System GLIMS as a

The Global Livestock Impact Mapping System GLIMS as a

The Global Livestock Impact Mapping System GLIMS as a tool for animal health applications Global Livestock Impact Mapping System Livestock Modelling Global Livestock Production and Health Atlas Livestock distribution modelling Il Sistema di Mappatura Globale dell Impatto del Bestiame GLIMS come strumento per applicazioni sulla salute animale Riassunto Le recenti preoccupazioni

A Field Manual of Animal Diseases by Syndromes

A Field Manual of Animal Diseases by Syndromes

NOTE in this manual the red squares symbolize a disease causing agent which can be a virus or bacteria SYNDROMIC SURVEILLANCE 1 INTRODUCTION Healthy animals and healthy people contribute to stable and productive economies and societies everywhere The livestock industry of Africa is a vital component of the economy in every region At the village level animal production supplies valuable

manual Food and Agriculture Organization

manual Food and Agriculture Organization

Manual on the preparation of national animal disease emergency preparedness plans 2 edition 2008 Animal Health Manual N 6 Roma FAO Manual on livestock disease surveillance and information systems 1999 Animal Health Manual N 8 Roma FAO Manual on procedures for disease eradication by stamping out 2001 Animal Health

Subaru 2 2 Liter Engine ultraligero net

Subaru 2 2 Liter Engine ultraligero net

Always refer to the appropriate model year Subaru Service Manual and the applicable service bulletins for all specification and detailed servicing procedures 2 2L Engine Identification The 2 2L engine designation is the sixth digit of the vehicle identifica tion number VIN It is important to always first identify the engine before beginning diagnosis and servicing Body type and