Procedura Per La Valutazione E Gestione Delle Interferenze-Books Pdf

Procedura per la valutazione e gestione delle Interferenze
17 Jan 2020 | 40 views | 0 downloads | 26 Pages | 204.98 KB

Share Pdf : Procedura Per La Valutazione E Gestione Delle Interferenze

Download and Preview : Procedura Per La Valutazione E Gestione Delle Interferenze

Report CopyRight/DMCA Form For : Procedura Per La Valutazione E Gestione Delle Interferenze



Transcription

Procedura per la valutazione e gestione delle Interferenze. Versione rev 10 bis del ottobre 2011, Pagina 2 di 26. 1 Premessa, 2 Obiettivi, 3 Normativa di riferimento. 4 Definizione e caratteristiche del DUVRI, 5 Definizioni connesse alla Procedura. 6 Diagramma di flusso, Diagramma di flusso, Scheda 1 Committente. Scheda 2 Autocertificazione, Scheda 2 bis Contratto di concessione in uso a freddo.
Scheda 3 Operatore economico, Scheda 4 Verbale sopralluogo valutazione e cooperazione. Scheda 5 Elaborazione del DUVRI, Progetto Gestione delle Interferenze Contratti d appalto o d opera o di somministrazione. Procedura per la valutazione e gestione delle Interferenze. Versione rev 10 bis del ottobre 2011, Pagina 3 di 26. Il presente documento in sintesi definito procedura definisce le modalit con le quali il Committente valuta. le possibili interferenze del proprio ciclo produttivo e delle attivit ad esso connesse con quelli degli. operatori economici ai quali intende affidare un contratto di appalto o d opera o di somministrazione. secondo quanto previsto dall articolo 26 del D Lgs 81 08 e successive modificazioni e integrazioni di. seguito D Lgs 81 08, La Procedura nel caso i rischi di interferenze siano accertati fornisce le modalit con le quali definire il. Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti nonch la gestione del coordinamento e della. cooperazione dei soggetti coinvolti, La procedura riguarda principalmente le attivit affidate da un operatore economico Committente ad altro.
operatore economico con un contratto di appalto o d opera o di somministrazione regolati dal diritto privato. in particolare nel settore industriale in settori merceologici diversi Essa intende fornire alle aziende del. comparto industriale uno strumento metodologico di carattere generale utile all adempimento di quanto. disposto dalla normativa nazionale in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro. I criteri i contenuti le istruzioni operative contenute nella procedura possono essere per un riferimento. anche per altre tipologie di attivit, Si precisa che al fine di rimanere nell ambito degli obiettivi previsti dal progetto il gruppo di lavoro non ha. considerato nello sviluppo della procedura l eventualit che le attivit lavorative si debbano svolgere in. tutto o in parte nell ambito di ambienti sospetti di inquinamento o confinati ai sensi degli articoli 66 e 121 e. dell allegato IV punto 3 del D Lgs n 81 08 per i quali trovano applicazione le disposizioni di cui al D P R 3. agosto 2011 e del D P R 14 settembre 2011 n 177 o altre situazioni disciplinate da normative specifiche di. settore alle quali si rimanda, Lo strumento vuole essere un utile ausilio per garantire al Committente in applicazione di quanto previsto. dall art 26 del D Lgs 81 08 un approccio sistematico alla valutazione e alla gestione dai rischi derivanti da. interferenze e dunque dovr essere adattato alle singole realt aziendali nelle quali vengono rese operative. la valutazione e la gestione delle interferenze, Nell ottica di quanto previsto dall art 53 del D Lgs 81 08 il quale consente che tutta la documentazione. rilevante in materia di salute e sicurezza sul lavoro possa essere tenuta su supporto informatico la. procedura resa pubblicamente accessibile tramite il portale www duvri8108 it L uso di una piattaforma. web quale strumento di lavoro e di incontro tra gli operatori economici favorisce lo scambio di informazioni. in materia di sicurezza nonch la raccolta di dati elementi suggerimenti in forma anonima funzionale al. miglioramento del servizio proposto, Progetto Gestione delle Interferenze Contratti d appalto o d opera o di somministrazione. Procedura per la valutazione e gestione delle Interferenze. Versione rev 10 bis del ottobre 2011, Pagina 4 di 26.
La procedura proposta vuole essere uno strumento di lavoro per il perseguimento e l acquisizione di un. metodo standardizzato dinamico ed omogeneo di elaborazione dei documenti ed adempimento degli. obblighi disciplinati dall art 26 del D Lgs 81 08, L iniziativa si propone di offrire un supporto scientifico alla diffusione della cultura della sicurezza sui luoghi di. lavoro e si inquadra all interno di progetto di sperimentazione territoriale in stretto collegamento con i lavori. della Commissione consultiva nazionale come previsto dallo stesso art 26 del D Lgs 81 08. La procedura ha lo scopo di fornire agli operatori economici nella loro qualit di Committenti di lavori servizi. o forniture affidate ad appaltatori o lavoratori autonomi un supporto operativo per. 1 la verifica dell idoneit tecnico professionale delle imprese appaltatrici e dei lavoratori autonomi o. loro subcontraenti, 2 la compilazione del Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenza di seguito. denominato DUVRI, 3 la cooperazione per le misure di prevenzione e protezione dai rischi ed il coordinamento della. reciproca informazione, 4 la implementazione ed il miglioramento continuo dei documenti e degli strumenti per la valutazione e. la gestione dei rischi derivanti da interferenze, Gli strumenti ed i supporti definiti dal progetto promosso e coordinato da Confindustria Vercelli Valsesia sono.
resi disponibili on line consentendo agli operatori economici interessati di gestire la procedura attraverso. una piattaforma web integrata con base dati normative suggerimenti ed esperienze e implementata dagli. stessi utilizzatori, Progetto Gestione delle Interferenze Contratti d appalto o d opera o di somministrazione. Procedura per la valutazione e gestione delle Interferenze. Versione rev 10 bis del ottobre 2011, Pagina 5 di 26. Normativa di riferimento, D Lgs 9 4 2008 n 81 recante Attuazione dell articolo 1 della legge 3 agosto 2007 n 123 in materia di. tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 30 aprile. 2008 n 101 S O, Art 26 Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione. 1 Il datore di lavoro in caso di affidamento di lavori servizi e forniture all impresa appaltatrice o a lavoratori. autonomi all interno della propria azienda o di una singola unit produttiva della stessa nonch nell ambito. dell intero ciclo produttivo dell azienda medesima sempre che abbia la disponibilit giuridica dei luoghi in cui. si svolge l appalto o la prestazione di lavoro autonomo nota 1. a verifica con le modalit previste dal decreto di cui all articolo 6 comma 8 lettera g l idoneit. tecnico professionale delle imprese appaltatrici o dei lavoratori autonomi in relazione ai lavori ai. servizi e alle forniture da affidare in appalto o mediante contratto d opera o di somministrazione Fino. alla data di entrata in vigore del decreto di cui al periodo che precede la verifica eseguita. attraverso le seguenti modalit, 1 acquisizione del certificato di iscrizione alla camera di commercio industria e artigianato.
2 acquisizione dell autocertificazione dell impresa appaltatrice o dei lavoratori autonomi del. possesso dei requisiti di idoneit tecnico professionale ai sensi dell articolo 47 del testo unico. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa di cui. al decreto del Presidente della Repubblica del 28 dicembre 2000 n 445 nota 2. b fornisce agli stessi soggetti dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell ambiente in cui. sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla. propria attivit, 1 Alinea cos modificato dall art 16 comma 1 lett a D Lgs 3 agosto 2009 n 106. 2 Lettera cos modificata dall art 16 comma 1 lett b D Lgs 3 agosto 2009 n 106. 2 Nell ipotesi di cui al comma 1 i datori di lavoro ivi compresi i subappaltatori. a cooperano all attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti. sull attivit lavorativa oggetto dell appalto, b coordinano gli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori. informandosi reciprocamente anche al fine di eliminare rischi dovuti alle interferenze tra i lavori delle. diverse imprese coinvolte nell esecuzione dell opera complessiva. 3 Il datore di lavoro committente promuove la cooperazione ed il coordinamento di cui al comma 2. elaborando un unico documento di valutazione dei rischi che indichi le misure adottate per eliminare o ove. ci non possibile ridurre al minimo i rischi da interferenze Tale documento allegato al contratto di. appalto o di opera e va adeguato in funzione dell evoluzione dei lavori servizi e forniture Ai contratti stipulati. anteriormente al 25 agosto 2007 ed ancora in corso alla data del 31 dicembre 2008 il documento di cui al. precedente periodo deve essere allegato entro tale ultima data Le disposizioni del presente comma non si. Progetto Gestione delle Interferenze Contratti d appalto o d opera o di somministrazione. Procedura per la valutazione e gestione delle Interferenze. Versione rev 10 bis del ottobre 2011, Pagina 6 di 26. applicano ai rischi specifici propri dell attivit delle imprese appaltatrici o dei singoli lavoratori autonomi Nel. campo di applicazione del decreto legislativo 12 aprile 2006 n 163 e successive modificazioni tale. documento redatto ai fini dell affidamento del contratto dal soggetto titolare del potere decisionale e di. spesa relativo alla gestione dello specifico appalto nota 3. 3 Comma cos modificato dall art 16 comma 2 lett a e b D Lgs 3 agosto 2009 n 106. 3 bis Ferme restando le disposizioni di cui ai commi 1 e 2 l obbligo di cui al comma 3 non si applica ai. servizi di natura intellettuale alle mere forniture di materiali o attrezzature nonch ai lavori o servizi la cui. durata non sia superiore ai due giorni sempre che essi non comportino rischi derivanti dalla presenza di. agenti cancerogeni biologici atmosfere esplosive o dalla presenza dei rischi particolari di cui all allegato XI. 4 Comma inserito dall art 16 comma 3 D Lgs 3 agosto 2009 n 106. 3 ter Nei casi in cui il contratto sia affidato dai soggetti di cui all articolo 3 comma 34 del decreto legislativo. 12 aprile 2006 n 163 o in tutti i casi in cui il datore di lavoro non coincide con il committente il soggetto che. affida il contratto redige il documento di valutazione dei rischi da interferenze recante una valutazione. ricognitiva dei rischi standard relativi alla tipologia della prestazione che potrebbero potenzialmente derivare. dall esecuzione del contratto Il soggetto presso il quale deve essere eseguito il contratto prima dell inizio. dell esecuzione integra il predetto documento riferendolo ai rischi specifici da interferenza presenti nei. luoghi in cui verr espletato l appalto l integrazione sottoscritta per accettazione dall esecutore integra gli. atti contrattuali nota 5, 5 Comma inserito dall art 16 comma 3 D Lgs 3 agosto 2009 n 106. 4 Ferme restando le disposizioni di legge vigenti in materia di responsabilit solidale per il mancato. pagamento delle retribuzioni e dei contributi previdenziali e assicurativi l imprenditore committente risponde. in solido con l appaltatore nonch con ciascuno degli eventuali subappaltatori per tutti i danni per i quali il. lavoratore dipendente dall appaltatore o dal subappaltatore non risulti indennizzato ad opera dell Istituto. nazionale per l assicurazione contro gli infortuni sul lavoro INAIL o dell Istituto di previdenza per il settore. marittimo IPSEMA Le disposizioni del presente comma non si applicano ai danni conseguenza dei rischi. specifici propri dell attivit delle imprese appaltatrici o subappaltatrici. 5 Nei singoli contratti di subappalto di appalto e di somministrazione anche qualora in essere al momento. della data di entrata in vigore del presente decreto di cui agli articoli 1559 ad esclusione dei contratti di. somministrazione di beni e servizi essenziali 1655 1656 e 1677 del codice civile devono essere. specificamente indicati a pena di nullit ai sensi dell articolo 1418 del codice civile i costi delle misure. adottate per eliminare o ove ci non sia possibile ridurre al minimo i rischi in materia di salute e sicurezza. sul lavoro derivanti dalle interferenze delle lavorazioni I costi di cui al primo periodo non sono soggetti a. ribasso Con riferimento ai contratti di cui al precedente periodo stipulati prima del 25 agosto 2007 i costi. della sicurezza del lavoro devono essere indicati entro il 31 dicembre 2008 qualora gli stessi contratti siano. ancora in corso a tale data A tali dati possono accedere su richiesta il rappresentante dei lavoratori per la. sicurezza e gli organismi locali delle organizzazioni sindacali dei lavoratori comparativamente pi. rappresentative a livello nazionale nota 6, 6 Comma cos modificato dall art 16 comma 4 D Lgs 3 agosto 2009 n 106.
6 Nella predisposizione delle gare di appalto e nella valutazione dell anomalia delle offerte nelle procedure. di affidamento di appalti di lavori pubblici di servizi e di forniture gli enti aggiudicatori sono tenuti a valutare. Progetto Gestione delle Interferenze Contratti d appalto o d opera o di somministrazione. Procedura per la valutazione e gestione delle Interferenze. Versione rev 10 bis del ottobre 2011, Pagina 7 di 26. che il valore economico sia adeguato e sufficiente rispetto al costo del lavoro e al costo relativo alla. sicurezza il quale deve essere specificamente indicato e risultare congruo rispetto all entit e alle. caratteristiche dei lavori dei servizi o delle forniture Ai fini del presente comma il costo del lavoro. Procedura per la valutazione e gestione delle Interferenze Versione rev 10 bis del ottobre 2011 Pagina 2 di 26 Sommario 1 Premessa 2 Obiettivi 3 Normativa di

Related Books

Marie Pierre Pancrazi Psychiatre HPGM

Marie Pierre Pancrazi Psychiatre HPGM

Modifications pharmacocin tiques li es l ge m tabolisme h patique Modifications pharmacocin tiques li es l ge m tabolisme h patique

LES TEMPS DE CUISSON pour pdf

LES TEMPS DE CUISSON pour pdf

LES TEMPS DE CUISSON Les temps de cuisson ci dessous sont indicatifs et non exhaustifs En effet ils vont varier selon plusieurs crit res relatifs l aliment comme o son poids o son paisseur o sa qualit o la saisonnalit o le fait qu il soit frais ou d congel o le fait qu il soit entier ou minc Les temps de cuisson vont aussi d pendre de vos go ts si vous pr f rez

CITA HUKUM PANCASILA

CITA HUKUM PANCASILA

Di bidang politik Pancasi la hanya dijadikan alat justifikasi dalam rangka melanggengkan kekuasaan Pada Era Orde Baru Pancasila dipaksakan sebagai asas tunggal dan diindoktrinasi melalui melalui berbagai penataran P4 Pada era reformasi ideologi Pancasila semakin tidak jelas per annya karena perilaku elit pemerintah dan partai politik identik dengan memperkuat dirinya kroni melalui

CULTIVER LE PANAIS DE PLEIN CHAMP EN AGRICULTURE ITAB

CULTIVER LE PANAIS DE PLEIN CHAMP EN AGRICULTURE ITAB

CULTIVER LE PANAIS DE PLEIN CHAMP EN AGRICULTURE BIOLOGIQUE Itin raire Technique Place dans la rotation choix de la parcelle La dur e de rotation minimum est de 6 ans pour viter d augmenter les ravageurs n matodes

Cultiver le Panais

Cultiver le Panais

Calendrier de production Itin raire Technique Itin rairaire techniques en quelques points Labour hivernal 2 3 reprises de labour pr f rentiellement 2 passages de vibroculteur 1 passage d outil de pr paration de sol Densit de semis 30 40 cm entre rang et 6 cm entre graines

Une racine qui n a rien envier aux autres le PANAIS

Une racine qui n a rien envier aux autres le PANAIS

Une racine qui n a rien envier aux autres le PANAIS VEDEL Marjolaine Di t ticienne 240 le Gu de l Orme 50710 CREANCES 06 76 12 71 31 marjolaine vedel gmail com

S MANUAL SUPPLEMENT CONTRO E SPEED

S MANUAL SUPPLEMENT CONTRO E SPEED

OWNER S MANUAL SUPPLEMENT CONTRO E SPEED CANNONDALE EUROPE Cycling Sports Group Europe B V Hanzepoort 27 7570 GC Oldenzaal Netherlands Voice 41 61 551 14 80 Fax 31 5415 14240servicedeskeurope cyclingsportsgroup com CANNONDALE UK Cycling Sports Group Vantage Way The Fulcrum Poole Dorset BH12 4NU Voice 44 0 1202 732288 Fax 44 0 1202 723366 sales cyclingsportsgroup co

Perencanaan Perkerasan Jalan Beton Semen

Perencanaan Perkerasan Jalan Beton Semen

Pedoman Perencanaan Perkerasan Jalan Beton Semen ini merupakan penyempurnaan Petunjuk Perencanaan Perkerasan Kaku Rigid Pavement yang diterbitkan oleh Departemen Pekerjaan Umum Tahun 1985 SKBI 2 3 28 1985 sehingga para Perencana mempunyai pegangan dalam melakukan perencanaan perkerasan beton semen di Indonesia Dalam penerapan jalan beton semen pengambil kebijakan harus

DIKTAT MATA KULIAH KONSTRUKSI JALAN

DIKTAT MATA KULIAH KONSTRUKSI JALAN

sebagai dasar perencanaan geometrik jalan yang memungkinkan kendaraan kendaraan bergerak dengan aman dan nyaman dalam kondisi cuaca yang cerah lalu lintas yang lengang amp pengaruh samping jalan yang tidak berarti VR untuk masing masing fungsi jalan dapat ditetapkan dari Tabel 4 2 Untuk kondisi medan yang sulit VR suatu segmen jalan dapat diturunkan dengan syarat bahwa penurunan tersebut

ANALISIS DESAIN PERKERASAN JALAN METODE BINA MARGA 1987

ANALISIS DESAIN PERKERASAN JALAN METODE BINA MARGA 1987

Untuk itu diperlukan suatu perencanaan desain perkerasan jalan yang cukup handal dan memadai baik di tingkat Pusat maupun Provinsi Pada penelitian ini desain perkerasan jalan menggunakan perkerasan lentur Flexible Pavement Perhitungan tebal lapis perkerasan jalan menggunakan Metode Bina Marga 1987 dan Bina Marga 2002 atau Modifikasi AASHTO American Association of State Highway

PERENCANAAN JEMBATAN Kementerian Pekerjaan Umum

PERENCANAAN JEMBATAN Kementerian Pekerjaan Umum

Mencakup perencanaan jembatan jalan raya amp pejalan kaki Jembatan bentang panjang lebih dari 100 m dan penggunaan struktur yang tidak umum atau yang menggunakan material dan metode baru harus diperlakukan sebagai jembatan khusus Acuan perencanaan struktur jembatan 1 Bridge Design Code BMS 92 dengan revisi Pembebanan jembatan SNI 1725 2016 Perencanaan Struktur Beton jembatan SK SNI T 12