Integrato Con Il Decreto Legislativo N 106 2009 Testo -Books Pdf

integrato con il Decreto legislativo n 106 2009 TESTO
13 Mar 2020 | 29 views | 0 downloads | 398 Pages | 7.89 MB

Share Pdf : Integrato Con Il Decreto Legislativo N 106 2009 Testo

Download and Preview : Integrato Con Il Decreto Legislativo N 106 2009 Testo


Report CopyRight/DMCA Form For : Integrato Con Il Decreto Legislativo N 106 2009 Testo



Transcription

D lgs 9 aprile 2008 n 81 integrato con il Decreto legislativo n 106 2009. SEZIONE III SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE 59. Articolo 31 Servizio di prevenzione e protezione 59. Articolo 32 Capacit e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di. prevenzione e protezione interni ed esterni 60, Articolo 33 Compiti del servizio di prevenzione e protezione 61. Articolo 34 Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e. protezione dai rischi 62,Articolo 35 Riunione periodica 62. SEZIONE IV FORMAZIONE INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO 63. Articolo 36 Informazione ai lavoratori 63, Articolo 37 Formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti 63. SEZIONE V SORVEGLIANZA SANITARIA 65, Articolo 38 Titoli e requisiti del medico competente 65. Articolo 39 Svolgimento dell attivit di medico competente 65. Articolo 40 Rapporti del medico competente con il Servizio sanitario nazionale 66. Articolo 41 Sorveglianza sanitaria 66, Articolo 42 Provvedimenti in caso di inidoneit alla mansione specifica 67.
SEZIONE VI GESTIONE DELLE EMERGENZE 68,Articolo 43 Disposizioni generali 68. Articolo 44 Diritti dei lavoratori in caso di pericolo grave e immediato 68. Articolo 45 Primo soccorso 69,Articolo 46 Prevenzione incendi 69. SEZIONE VII CONSULTAZIONE E PARTECIPAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI 70. Articolo 47 Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza 70. Articolo 48 Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale 70. Articolo 49 Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza di sito produttivo 71. Articolo 50 Attribuzioni del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza 72. Articolo 51 Organismi paritetici 72, Articolo 52 Sostegno alla piccola e media impresa ai rappresentanti dei lavoratori per la. sicurezza territoriali e alla pariteticit 73, SEZIONE VIII DOCUMENTAZIONE TECNICO AMMINISTRATIVA E STATISTICHE DEGLI INFORTUNI E. DELLE MALATTIE PROFESSIONALI 74,Articolo 53 Tenuta della documentazione 74.
Articolo 54 Comunicazioni e trasmissione della documentazione 75. CAPO IV DISPOSIZIONI PENALI 75,SEZIONE I SANZIONI 75. Articolo 55 Sanzioni per il datore di lavoro e il dirigente 75. Articolo 55 Sanzioni per il datore di lavoro e il dirigente 76. Articolo 56 Sanzioni per il preposto 77,Sanzioni per il preposto 77. Articolo 57 Sanzioni per i progettisti i fabbricanti i fornitori e gli installatori 77. Articolo 58 Sanzioni per il medico competente 78,Articolo 59 Sanzioni per i lavoratori 78. SEZIONE II DISPOSIZIONI IN TEMA DI PROCESSO PENALE 79. Articolo 61 Esercizio dei diritti della persona offesa 79. TITOLO II LUOGHI DI LAVORO 79,CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 79. Articolo 62 Definizioni 79,Articolo 63 Requisiti di salute e di sicurezza 80.
Aggiornamento del D Lgs 81 08 www puntosicuro it vers 9 1 02 12 2009 Pagina 2 di 398. a cura di Rolando Dubini avvocato, D lgs 9 aprile 2008 n 81 integrato con il Decreto legislativo n 106 2009. Articolo 64 Obblighi del datore di lavoro 80, Articolo 65 Locali sotterranei o semisotterranei 80. Articolo 66 Lavori in ambienti sospetti di inquinamento 81. Articolo 67 Notifiche all organo di vigilanza competente per territorio 81. CAPO II SANZIONI 81,Articolo 68 Sanzioni per il datore di lavoro 81. CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO 82,Articolo 69 Definizioni 82. Articolo 70 Requisiti di sicurezza 82,Articolo 71 Obblighi del datore di lavoro 83.
Articolo 72 Obblighi dei noleggiatori e dei concedenti in uso 85. Articolo 73 Informazione e formazione Informazione formazione e addestramento 85. CAPO II USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 86. Articolo 74 Definizioni 86,Articolo 75 Obbligo di uso 86. Articolo 76 Requisiti dei DPI 86,Articolo 77 Obblighi del datore di lavoro 87. Articolo 78 Obblighi dei lavoratori 88, Articolo 79 Criteri per l individuazione e l uso 88. CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE 88,Articolo 80 Obblighi del datore di lavoro 88. Articolo 81 Requisiti di sicurezza 89,Articolo 82 Lavori sotto tensione 89.
Articolo 83 Lavori in prossimit di parti attive 90. Articolo 84 Protezioni dai fulmini 90, Articolo 85 Protezione di edifici impianti strutture ed attrezzature 90. Articolo 86 Verifiche 90, Articolo 87 Sanzioni a carico del datore di lavoro 91. TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI 93, CAPO I MISURE PER LA SALUTE E SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI 93. Articolo 88 Campo di applicazione 93,Articolo 89 Definizioni 93. Articolo 90 Obblighi del committente o del responsabile dei lavori 94. Articolo 91 Obblighi del coordinatore per la progettazione 96. Articolo 92 Obblighi del coordinatore per l esecuzione dei lavori 96. Articolo 93 Responsabilit dei committenti e dei responsabili dei lavori 97. Articolo 94 Obblighi dei lavoratori autonomi 97,Articolo 95 Misure generali di tutela 98.
Articolo 96 Obblighi dei datori di lavoro dei dirigenti e dei preposti 98. Articolo 97 Obblighi del datore di lavoro dell impresa affidataria 99. Articolo 98 Requisiti professionali del coordinatore per la progettazione del coordinatore per. l esecuzione dei lavori 99,Articolo 99 Notifica preliminare 100. Articolo 100 Piano di sicurezza e di coordinamento 100. Articolo 101 Obblighi di trasmissione 101, Articolo 102 Consultazione dei rappresentanti per la sicurezza 101. Articolo 103 Modalit di previsione dei livelli di emissione sonora 101. Articolo 104 Modalit attuative di particolari obblighi 102. CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO 102. NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA 102,SEZIONE I CAMPO DI APPLICAZIONE 102. Articolo 105 Attivit soggette 102,Articolo 106 Attivit escluse 102. Aggiornamento del D Lgs 81 08 www puntosicuro it vers 9 1 02 12 2009 Pagina 3 di 398. a cura di Rolando Dubini avvocato, D lgs 9 aprile 2008 n 81 integrato con il Decreto legislativo n 106 2009.
Articolo 107 Definizioni 103,SEZIONE II DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 103. Articolo 108 Viabilit nei cantieri 103,Articolo 109 Recinzione del cantiere 103. Articolo 110 Luoghi di transito 103, Articolo 111 Obblighi del datore di lavoro nell uso di attrezzature per lavori in quota 103. Articolo 112 Idoneit delle opere provvisionali 104. Articolo 113 Scale 104,Articolo 114 Protezione dei posti di lavoro 106. Articolo 115 Sistemi di protezione contro le cadute dall alto 106. Articolo 116 Obblighi dei datori di lavoro concernenti l impiego di sistemi di accesso e di. posizionamento mediante funi 107, Articolo 117 Lavori in prossimit di parti attive 107.
SEZIONE III SCAVI E FONDAZIONI 108,Articolo 118 Splateamento e sbancamento 108. Articolo 119 Pozzi scavi e cunicoli 108, Articolo 120 Deposito di materiali in prossimit degli scavi 109. Articolo 121 Presenza di gas negli scavi 109,SEZIONE IV PONTEGGI E IMPALCATURE IN LEGNAME 109. Articolo 122 Ponteggi ed opere provvisionali 109, Articolo 123 Montaggio e smontaggio delle opere provvisionali 110. Articolo 124 Deposito di materiali sulle impalcature 110. Articolo 125 Disposizione dei montanti 110,Articolo 126 Parapetti 110.
Articolo 127 Ponti a sbalzo 111,Articolo 128 Sottoponti 111. Articolo 129 Impalcature nelle costruzioni in conglomerato cementizio 111. Articolo 130 Andatoie e passerelle 111,SEZIONE V PONTEGGI FISSI 111. Articolo 131 Autorizzazione alla costruzione ed all impiego 111. Articolo 132 Relazione tecnica 112,Articolo 133 Progetto 112. Articolo 134 Documentazione 113,Articolo 135 Marchio del fabbricante 113. Articolo 136 Montaggio e smontaggio 113,Articolo 137 Manutenzione e revisione 114.
Articolo 138 Norme particolari 114,SEZIONE VI PONTEGGI MOVIBILI 115. Articolo 139 Ponti su cavalletti 115,Articolo 140 Ponti su ruote a torre 115. SEZIONE VII COSTRUZIONI EDILIZIE 116,Articolo 141 Strutture speciali 116. Articolo 142 Costruzioni di archi volte e simili 116. Articolo 143 Posa delle armature e delle centine 116. Articolo 144 Resistenza delle armature 116,Articolo 145 Disarmo delle armature 116. Articolo 146 Difesa delle aperture 117,Articolo 147 Scale in muratura 117.
Articolo 148 Lavori speciali 117,Articolo 149 Paratoie e cassoni 118. SEZIONE VIII DEMOLIZIONI 118,Articolo 150 Rafforzamento delle strutture 118. Articolo 151 Ordine delle demolizioni 118,Articolo 152 Misure di sicurezza 118. Articolo 153 Convogliamento del materiale di demolizione 119. Aggiornamento del D Lgs 81 08 www puntosicuro it vers 9 1 02 12 2009 Pagina 4 di 398. a cura di Rolando Dubini avvocato, D lgs 9 aprile 2008 n 81 integrato con il Decreto legislativo n 106 2009. Articolo 154 Sbarramento della zona di demolizione 119. Articolo 155 Demolizione per rovesciamento 119,Articolo 156 Verifiche 120.
CAPO III SANZIONI 120, Articolo 157 Sanzioni per i committenti e i responsabili dei lavori 120. Articolo 158 Sanzioni per i coordinatori 120, Articolo 159 Sanzioni per i datori di lavoro i dirigenti e i preposti 121. Articolo 160 Sanzioni per i lavoratori 122, TITOLO V SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 123. CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 123,Articolo 161 Campo di applicazione 123. Articolo 162 Definizioni 123,Articolo 163 Obblighi del datore di lavoro 124.
Articolo 164 Informazione e formazione 124,CAPO Ii SANZIONI 124. Articolo 165 Sanzioni a carico del datore di lavoro e del dirigente 124. TITOLO VI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI 126,CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 126. Articolo 167 Campo di applicazione 126,Articolo 168 Obblighi del datore di lavoro 126. Articolo 169 Informazione formazione e addestramento 126. CAPO II SANZIONI 127, Articolo 170 Sanzioni a carico del datore di lavoro e del dirigente 127. Articolo 171 Sanzioni a carico del preposto 127, TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI 127.
CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 127,Articolo 172 Campo di applicazione 127. Articolo 173 Definizioni 127, CAPO II OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO DEI DIRIGENTI E DEI PREPOSTI 128. Articolo 174 Obblighi del datore di lavoro 128, Articolo 175 Svolgimento quotidiano del lavoro 128. Articolo 176 Sorveglianza sanitaria 129,Articolo 177 Informazione e formazione 129. CAPO III SANZIONI 129, Articolo 178 Sanzioni a carico del datore di lavoro e del dirigente 129.
Articolo 179 Sanzioni a carico del preposto 130,TITOLO VIII AGENTI FISICI 130. CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 130, Articolo 180 Definizioni e campo di applicazione 130. Articolo 181 Valutazione dei rischi 130, Articolo 182 Disposizioni miranti ad eliminare o ridurre i rischi 131. Articolo 183 Lavoratori particolarmente sensibili 131. Articolo 184 Informazione e formazione dei lavoratori 131. Articolo 185 Sorveglianza sanitaria 131,Articolo 186 Cartella sanitaria e di rischio 132. CAPO II PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO I RISCHI DI 132. ESPOSIZIONE AL RUMORE DURANTE IL LAVORO 132,Articolo 187 Campo di applicazione 132.
Articolo 188 Definizioni 132, Aggiornamento del D Lgs 81 08 www puntosicuro it vers 9 1 02 12 2009 Pagina 5 di 398. a cura di Rolando Dubini avvocato, D lgs 9 aprile 2008 n 81 integrato con il Decreto legislativo n 106 2009. Articolo 189 Valori limite di esposizione e valori di azione 132. Articolo 190 Valutazione del rischio 132, Articolo 191 Valutazione di attivit a livello di esposizione molto variabile 133. Articolo 192 Misure di prevenzione e protezione 134. Articolo 193 Uso dei dispositivi di protezione individuali 134. Articolo 194 Misure per la limitazione dell esposizione 135. Articolo 195 Informazione e formazione dei lavoratori 135. Articolo 196 Sorveglianza sanitaria 135,Articolo 197 Deroghe 135. Articolo 198 Linee Guida per i settori della musica delle attivit ricreative e dei call center 136. CAPO III PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI 136. Articolo 199 Campo di applicazione 136,Articolo 200 Definizioni 136.
Articolo 201 Valori limite di esposizione e valori d azione 136. Articolo 202 Valutazione dei rischi 136, Articolo 203 Misure di prevenzione e protezione 137. Articolo 204 Sorveglianza sanitaria 138,Articolo 205 Deroghe 138. CAPO IV PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI138. Articolo 206 Campo di applicazione 139,Articolo 207 Definizioni 139. Articolo 208 Valori limite di esposizione e valori d azione 139. Articolo 209 Identificazione dell esposizione e valutazione dei rischi 139. Articolo 210 Misure di prevenzione e protezione 140. Articolo 211 Sorveglianza sanitaria 141,Articolo 212 Linee guida 141. CAPO V PROTEZIONE DEI LAVORATORI DAI RISCHI DI ESPOSIZIONE A RADIAZIONI OTTICHE. ARTIFICIALI 141,Articolo 213 Campo di applicazione 141.
Articolo 214 Definizioni 141,Articolo 215 Valori limite di esposizione 142. Articolo 216 Identificazione dell esposizione e valutazione dei rischi 142. Articolo 217 Disposizioni miranti ad eliminare o a ridurre i rischi 143. Articolo 218 Sorveglianza sanitaria 143,CAPO VI SANZIONI 144. Articolo 219 Sanzioni a carico del datore di lavoro e del dirigente 144. Articolo 220 Sanzioni a carico del medico competente 144. CAPO I PROTEZIONE DA AGENTI CHIMICI 144,Articolo 221 Campo di applicazione 145. Articolo 222 Definizioni 145,Articolo 223 Valutazione dei rischi 146. Articolo 224 Misure e principi generali per la prevenzione dei rischi 147. Articolo 225 Misure specifiche di protezione e di prevenzione 147. Articolo 226 Disposizioni in caso di incidenti o di emergenze 148. Articolo 227 Informazione e formazione per i lavoratori 149. Articolo 228 Divieti 150,Articolo 229 Sorveglianza sanitaria 150.
Articolo 230 Cartelle sanitarie e di rischio 151, Articolo 231 Consultazione e partecipazione dei lavoratori 151. Articolo 232 Adeguamenti normativi 151, CAPO II PROTEZIONE DA AGENTI CANCEROGENI E MUTAGENI 152. SEZIONE I DISPOSIZIONI GENERALI 152,Articolo 233 Campo di applicazione 152. Articolo 234 Definizioni 152, Aggiornamento del D Lgs 81 08 www puntosicuro it vers 9 1 02 12 2009 Pagina 6 di 398. a cura di Rolando Dubini avvocato, D lgs 9 aprile 2008 n 81 integrato con il Decreto legislativo n 106 2009.
SEZIONE II OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO 153,Articolo 235 Sostituzione e riduzione 153. Articolo 236 Valutazione del rischio 153, Articolo 237 Misure tecniche organizzative procedurali 154. Articolo 238 Misure tecniche 154,Articolo 239 Informazione e formazione 155. Articolo 240 Esposizione non prevedibile 155, Articolo 241 Operazioni lavorative particolari 155. SEZIONE III SORVEGLIANZA SANITARIA 156, Articolo 242 Accertamenti sanitari e norme preventive e protettive specifiche 156.
Articolo 244 Registrazione dei tumori 157,Articolo 245 Adeguamenti normativi 158. CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO 158. SEZIONE I DISPOSIZIONI GENERALI 158,Articolo 246 Campo di applicazione 158. Articolo 247 Definizioni 159,SEZIONE II OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO 159. Articolo 248 Individuazione della presenza di amianto 159. Articolo 249 Valutazione del rischio 159,Articolo 250 Notifica 159. Articolo 251 Misure di prevenzione e protezione 160. Articolo 252 Misure igieniche 160,Articolo 253 Controllo dell esposizione 161.
Articolo 254 Valore limite 161, Articolo 255 Operazioni lavorative particolari 162. Articolo 256 Lavori di demolizione o rimozione dell amianto 162. Articolo 257 Informazione dei lavoratori 163,Articolo 258 Formazione dei lavoratori 163. Articolo 259 Sorveglianza sanitaria 164,Articolo 261 Mesoteliomi 165. CAPO IV SANZIONI 165, Articolo 262 Sanzioni per il datore di lavoro e il dirigente 165. Articolo 263 Sanzioni per il preposto 166, Articolo 264 Sanzioni per il medico competente 166.
Articolo 265 Sanzioni per i lavoratori 166,TITOLO X ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI 166. CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 166,Articolo 266 Campo di applicazione 167. Articolo 267 Definizioni 167, Articolo 268 Classificazione degli agenti biologici 167. Articolo 269 Comunicazione 167,Articolo 270 Autorizzazione 168. CAPO II OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO 168,Articolo 271 Valutazione del rischio 168.
Articolo 272 Misure tecniche organizzative procedurali 169. Articolo 273 Misure igieniche 170, Articolo 274 Misure specifiche per strutture sanitarie e veterinarie 170. Articolo 275 Misure specifiche per i laboratori e gli stabulari 170. Articolo 276 Misure specifiche per i processi industriali 171. Articolo 277 Misure di emergenza 171,CAPO III SORVEGLIANZA SANITARIA 172. Articolo 279 Prevenzione e controllo 172, Articolo 280 Registri degli esposti e degli eventi accidentali 173. Aggiornamento del D Lgs 81 08 www puntosicuro it vers 9 1 02 12 2009 Pagina 7 di 398. a cura di Rolando Dubini avvocato, D lgs 9 aprile 2008 n 81 integrato con il Decreto legislativo n 106 2009. Articolo 281 Registro dei casi di malattia e di decesso 174. CAPO IV SANZIONI 174, Articolo 282 Sanzioni a carico dei datori di lavoro e dei dirigenti 174.
Articolo 283 Sanzioni a carico dei preposti 174, Articolo 284 Sanzioni a carico del medico competente 175. Articolo 285 Sanzioni a carico dei lavoratori 175, Articolo 286 Sanzioni concernenti il divieto di assunzione in luoghi esposti 175. TITOLO XI PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE 175,CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 176. Articolo 287 Campo di applicazione 176,Articolo 288 Definizioni 176. CAPO II OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO 176, Articolo 289 Prevenzione e protezione contro le esplosioni 176.
Articolo 290 Valutazione dei rischi di esplosione 177. Articolo 291 Obblighi generali 177,Articolo 292 Coordinamento 177. Articolo 293 Aree in cui possono formarsi atmosfere esplosive 177. Articolo 294 Documento sulla protezione contro le esplosioni 178. Articolo 295 Termini per l adeguamento 178,Articolo 296 Verifiche 179. CAPO II SANZIONI CAPO III SANZIONI 179, Articolo 297 Sanzioni a carico dei datori di lavoro e dei dirigenti 179. TITOLO XII DISPOSIZIONI IN MATERIA PENALE E DI PROCEDURA PENALE 179. Articolo 298 Principio di specialit 179, Articolo 299 Esercizio di fatto di poteri direttivi 179. Articolo 300 Modifiche al decreto legislativo 8 giugno 2001 n 231 179. Articolo 301 Applicabilit delle disposizioni di cui agli articolo 20 e seguenti del decreto. legislativo 19 dicembre 1994 n 758 180, Articolo 302 Definizione delle contravvenzioni punite con la sola pena dell arresto 180.
Articolo 302 bis Potere di disposizione 181,Articolo 303 Circostanza attenuante 181. TITOLO XIII NORME TRANSITORIE E FINALI 181,Articolo 304 Abrogazioni 181. Articolo 305 Clausola finanziaria 182,Articolo 306 Disposizioni finali 182. ALLEGATO I 184, GRAVI VIOLAZIONI AI FINI DELL ADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO DI SOSPENSIONE DELL ATTIVITA. IMPRENDITORIALE 184, Violazioni che espongono a rischi di carattere generale 184.
Violazioni che espongono al rischio di caduta dall alto 184. Violazioni che espongono al rischio di seppellimento 184. Violazioni che espongono al rischio di elettrocuzione 184. Violazioni che espongono al rischio d amianto 184,ALLEGATO II 185. CASI IN CUI E CONSENTITO LO SVOLGIMENTO DIRETTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI. COMPITI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DEI RISCHI art 34 185. Aggiornamento del D Lgs 81 08 www puntosicuro it vers 9 1 02 12 2009 Pagina 8 di 398. a cura di Rolando Dubini avvocato, D lgs 9 aprile 2008 n 81 integrato con il Decreto legislativo n 106 2009. ALLEGATO 3A 186,CARTELLA SANITARIA E DI RISCHIO 186. VISITA MEDICA PREVENTIVA 187,VISITA MEDICA 191, CONSERVAZIONE DELLA CARTELLA SANITARIA E DI RISCHIO 194. CESSAZIONE DELL INCARICO DEL MEDICO 195,ALLEGATO 3B 196.
INFORMAZIONI RELATIVE AI DATI AGGREGATI SANITARI E DI RISCHIO DEI LAVORATORI SOTTOPOSTI A. SORVEGLIANZA SANITARIA 196,ALLEGATO IV 197,REQUISITI DEI LUOGHI DI LAVORO 197. 1 AMBIENTI DI LAVORO 197,1 1 Stabilit e solidit 197. 1 2 Altezza cubatura e superficie 197, 1 3 Pavimenti muri soffitti finestre e lucernari dei locali scale e marciapiedi mobili banchina e. rampe di carico 198, 1 4 Vie di circolazione zone di pericolo pavimenti e passaggi 199. 1 5 Vie e uscite di emergenza 200,1 6 Porte e portoni 201.
1 7 Scale 202, 1 8 Posti di lavoro e di passaggio e luoghi di lavoro esterni 203. 1 9 Microclima 204,1 9 1 Aerazione dei luoghi di lavoro chiusi 204. 1 9 2 Temperatura dei locali 204,1 9 3 Umidit 204, 1 10 Illuminazione naturale ed artificiale dei luoghi di lavoro 204. 1 10 7 Illuminazione sussidiaria 205,1 11 Locali di riposo e refezione 205. 1 11 1 Locali di riposo 205,1 11 2 Refettorio 205, 1 11 3 Conservazione vivande e somministrazione bevande 206.
1 12 Spogliatoi e armadi per il vestiario 206,1 13 Servizi igienico assistenziali 206. 1 13 1 Acqua 206,1 13 2 Docce 206,1 13 3 Gabinetti e lavabi 207. 1 13 4 Pulizia delle installazioni igienico assistenziali 207. 1 14 Dormitori 207, 2 PRESENZA NEI LUOGHI DI LAVORO DI AGENTI NOCIVI 208. 2 2 Difesa contro le polveri 209, 3 VASCHE CANALIZZAZIONI TUBAZIONI SERBATOI RECIPIENTI SILOS 210. 4 MISURE CONTRO L INCENDIO E L ESPLOSIONE 211,5 PRIMO SOCCORSO 213.
5 4 Pacchetto di medicazione 213,5 5 Cassetta di pronto soccorso 213. 5 8 Personale sanitario 214,6 DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE AZIENDE AGRICOLE 214. 6 1 Abitazioni e dormitori 214, Aggiornamento del D Lgs 81 08 www puntosicuro it vers 9 1 02 12 2009 Pagina 9 di 398. a cura di Rolando Dubini avvocato, D lgs 9 aprile 2008 n 81 integrato con il Decreto legislativo n 106 2009. 6 2 Dormitori temporanei 215,6 3 Acqua 215,6 4 Acquai e latrine 215.
6 5 Stalle e concimaie 215,6 6 Mezzi di pronto soccorso e di profilassi 215. ALLEGATO V 216, REQUISITI DI SICUREZZA DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO COSTRUITE IN ASSENZA DI DISPOSIZIONI. LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI DI RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE COMUNITARIE DI PRODOTTO O. MESSE A DISPOSIZIONE DEI LAVORATORI ANTECEDENTEMENTE ALLA DATA DELLA LORO. EMANAZIONE 216, PARTE I REQUISITI GENERALI APPLICABILI A TUTTE LE ATTREZZATURE DI LAVORO 216. 1 Osservazioni di carattere generale 216,2 Sistemi e dispositivi di comando 216. 3 Rischi di rottura proiezione e caduta di oggetti durante il funzionamento 217. 4 Emissioni di gas vapori liquidi polvere ecc 217,5 Stabilit 217.
6 Rischi dovuti agli elementi mobili 217,7 Illuminazione 218. 8 Temperature estreme 218,9 Segnalazioni indicazioni 218. 10 Vibrazioni 218,11 Manutenzione riparazione regolazione ecc 219. 12 Incendio ed esplosione 219, PARTE II PRESCRIZIONI SUPPLEMENTARI APPLICABILI AD ATTREZZATURE DI LAVORO SPECIFICHE219. 1 Prescrizioni applicabili alle attrezzature in pressione 219. 2 Prescrizioni applicabili ad attrezzature di lavoro mobili semoventi o no 220. 3 Prescrizioni applicabili alle attrezzature di lavoro adibite al sollevamento al trasporto o. all immagazzinamento di carichi 222,3 1 Prescrizioni generali 222.
3 2 Gru argani paranchi e simili 224, 3 4 Elevatori e trasportatori a piani mobili a tazze a coclea a nastro e simili 226. 4 Prescrizioni applicabili alle attrezzature di lavoro adibite al sollevamento di persone e di. persone e cose 226, 4 2 Ponti su ruote a torre e sviluppabili a forbice 226. 4 3 Scale aeree su carro 227,4 4 Ponti sospesi e loro caratteristiche 227. 4 5 Ascensori e montacarichi 229, 5 Prescrizioni applicabili a determinate attrezzature di lavoro 231. 5 1 Mole abrasive 231, 5 2 Bottali impastatrici gramolatrici e macchine simili 232.
5 3 Macchine di fucinatura e stampaggio per urto 233. 5 4 Macchine utensili per metalli 233, 5 5 Macchine utensili per legno e materiali affini 234. 5 6 Presse e cesoie 235, 5 7 Frantoi disintegratori molazze e polverizzatori 236. 5 8 Macchine per centrifugare e simili 237,5 9 Laminatoi rullatrici calandre e cilindri 237. 5 10 Apritoii battitoi carde sfilacciatrici pettinatrici e macchine simili 238. 5 11 Macchine per filare e simili 238,5 12 Telai meccanici di tessitura 239. 5 13 Macchine diverse 240, 5 14 Impianti ed operazioni di saldatura o taglio ossiacetilenica ossidrica elettrica e simili 242.
5 15 Forni e stufe di essiccamento o di maturazione 242. 5 16 Impianti macchine ed apparecchi elettrici 243. Aggiornamento del D Lgs 81 08 www puntosicuro it vers 9 1 02 12 2009 Pagina 10 di 398. a cura di Rolando Dubini avvocato, D lgs 9 aprile 2008 n 81 integrato con il Decreto legislativo n 106 2009. ALLEGATO VI 244, DISPOSIZIONI CONCERNENTI L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO 244. 1 Disposizioni generali applicabili a tutte le attrezzature di lavoro 244. 2 Disposizioni concernenti l uso delle attrezzature di lavoro mobili semoventi o no 245. 3 Disposizioni concernenti l uso delle attrezzature di lavoro che servono a sollevare e. movimentare carichi 246, 4 Disposizioni concernenti l uso delle attrezzature di lavoro che servono a sollevare persone 248. 5 Disposizioni concernenti l uso di determinate attrezzature di lavoro 248. 6 Rischi per Energia elettrica 248, 7 Materie e prodotti infiammabili o esplodenti 249. 8 Impianti ed operazioni di saldatura ossiacetilenica ossidrica e simili 249. 9 Macchine utensili per legno e materiali affini 250. 10 Macchine per filare e simili 250, 11 Impianti ed operazioni di saldatura o taglio ossiacetilenica ossidrica elettrica e simili 250.
ALLEGATO VII 251,VERIFICHE DI ATTREZZATURE 251,ALLEGATO VIII 253. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 253, 1 Schema indicativo per l inventario dei Rischi ai fini dell impiego di attrezzature di protezione. individuale 253, 2 Elenco indicativo e non esauriente delle attrezzature di protezione individuale 254. Dispositivi di protezione dell udito 254, Dispositivi di protezione degli occhi e del viso 254. Dispositivi di protezione delle vie respiratorie 254. Dispositivi di protezione delle mani e delle braccia 255. Dispositivi di protezione dei piedi e delle gambe 255. Dispositivi di protezione della pelle 255, Dispositivi di protezione del tronco e dell addome 255.
Dispositivi dell intero corpo 255,Indumenti di protezione 255. 3 Elenco indicativo e non esauriente delle attivit e dei settori di attivit per i quali pu rendersi. necessario mettere a disposizione attrezzature di protezione individuale 256. 1 Protezione del capo protezione del cranio 256,2 Protezione del piede 256. 3 Protezione degli occhi o del volto 257,4 Protezione delle vie respiratorie 257. 5 Protezione dell udito 257, 6 Protezione del tronco delle braccia e delle mani 257. 7 Indumenti di protezione contro le intemperie 258. 8 Indumenti fosforescenti 258, 9 Attrezzatura di protezione anticaduta imbracature di sicurezza 258.
10 Attacco di sicurezza con corda 258,11 Protezione dell epidermide 258. Aggiornamento del D Lgs 81 08 www puntosicuro it vers 9 1 02 12 2009 Pagina 11 di 398. a cura di Rolando Dubini avvocato, D lgs 9 aprile 2008 n 81 integrato con il Decreto legislativo n 106 2009. 4 Indicazioni non esaurienti per la valutazione dei dispositivi di protezione individuale 258. 1 ELMETTI DI PROTEZIONE PER L INDUSTRIA 259, 2 OCCHIALI PROTETTIVI E SCHERMI PER LA PROTEZIONE DEL VISO 260. 3 OTOPROTETTORI 262,4 AUTORESPIRATORI 263,5 GUANTI DI PROTEZIONE 264. 6 STIVALI E SCARPE DI SICUREZZA 265,7 INDUMENTI DI PROTEZIONE 265.
8 GIUBBOTTI DI SALVATAGGIO PER L INDUSTRIA 266,9 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE 267. ALLEGATO IX 269,NORME DI BUONA TECNICA 269,ALLEGATO X 271. ELENCO DEI LAVORI EDILI O DI INGEGNERIA CIVILE di cui all articolo 89 comma 1 lettera a 271. ALLEGATO XI 272, ELENCO DEI LAVORI COMPORTANTI RISCHI PARTICOLARI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE DEI. LAVORATORI di cui all articolo 100 comma 1 272,ALLEGATO XII 273. CONTENUTO DELLA NOTIFICA PRELIMINARE di cui all articolo 99 273. ALLEGATO XIII 274, PRESCRIZIONI DI SICUREZZA E DI SALUTE PER LA LOGISTICA DI CANTIERE 274.
PRESCRIZIONI PER I SERVIZI IGIENICO ASSISTENZIALI A DISPOSIZIONE DEI LAVORATORI NEI CANTIERI 274. 1 Spogliatoi e armadi per il vestiario 274,2 Docce 274. 3 Gabinetti e lavabi 274, 4 Locali di riposo e di refezione Locali di riposo di refezione e dormitori 274. 5 Utilizzo di monoblocchi prefabbricati per i locali ad uso spogliatoi locali di riposo e refezione 275. 6 Utilizzo di caravan ai fini igienico assistenziali 275. PRESCRIZIONI PER I POSTI DI LAVORO NEI CANTIERI 275. 1 Porte di emergenza 275,2 Areazione 2 Aerazione e temperatura 275. 3 Illuminazione naturale e artificiale 276,4 Pavimenti pareti e soffitti dei locali 276. 5 Finestre e lucernari dei locali 276,6 Porte e portoni 276.
7 Vie di circolazione 7 Vie di circolazione e zone di pericolo 276. 8 Misure specifiche per le scale e i marciapiedi mobili 276. Aggiornamento del D Lgs 81 08 www puntosicuro it vers 9 1 02 12 2009 Pagina 12 di 398. a cura di Rolando Dubini avvocato, D lgs 9 aprile 2008 n 81 integrato con il Decreto legislativo n 106 2009. ALLEGATO XIV 278, CONTENUTI MINIMI DEL CORSO DI FORMAZIONE PER I COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER. L ESECUZIONE DEI LAVORI 278,PARTE TEORICA 278,Modulo giuridico per complessive 28 ore 278. Modulo tecnico per complessive 52 ore 278, Modulo metodologico organizzativo per complessive 16 ore 278. PARTE PRATICA per complessive 24 ore 279,VERIFICA FINALE DI APPRENDIMENTO 279.
MODALITA DI SVOLGIMENTO DEI CORSI 279,ALLEGATO XV 279. CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI 279. 1 DISPOSIZIONI GENERALI 279,2 PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO 280. 3 PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO E PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA 283. 4 STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA 284,Allegato XV 1 285. Elenco indicativo e non esauriente degli elementi essenziali utili alla definizione dei. contenuti del PSC di cui al punto 2 1 2 285,Allegato XV 2 286. Elenco indicativo e non esauriente degli elementi essenziali ai fini dell analisi dei rischi. connessi all area di cantiere di cui al punto 2 2 1 286. ALLEGATO XVI 287,FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL OPERA 287.
I INTRODUZIONE 287,II CONTENUTI 287, CAPITOLO I Modalit per la descrizione dell opera e l individuazione dei soggetti interessati 288. Scheda I Descrizione sintetica dell opera ed individuazione dei soggetti interessati 288. CAPITOLO II Individuazione dei rischi delle misure preventive e protettive in dotazione. dell opera e di quelle ausiliarie 290, Scheda II 1 Misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed ausiliarie 292. Scheda II 2 Adeguamento delle misure preventive e protettive in dotazione dell opera ed. ausiliarie 292, Scheda II 3 Informazioni sulle misure preventive e protettive in dotazione dell opera. necessarie per pianificarne la realizzazione in condizioni di sicurezza e modalit di utilizzo e. di controllo dell efficienza delle stesse 294, CAPITOLO III Indicazioni per la definizione dei riferimenti della documentazione di supporto. esistente 295, Scheda III 1 Elenco e collocazione degli elaborati tecnici relativi all opera nel proprio.
contesto 296, Scheda III 2 Elenco e collocazione degli elaborati tecnici relativi alla struttura architettonica. e statica dell opera 297, Scheda III 3 Elenco e collocazione degli elaborati tecnici relativi agli impianti dell opera 298. ALLEGATO XVII 299,IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE 299. Aggiornamento del D Lgs 81 08 www puntosicuro it vers 9 1 02 12 2009 Pagina 13 di 398. a cura di Rolando Dubini avvocato, D lgs 9 aprile 2008 n 81 integrato con il Decreto legislativo n 106 2009. ALLEGATO XVIII 300, VIABILITA NEI CANTIERI PONTEGGI E TRASPORTO DEI MATERIALI 300.
1 Viabilit nei cantieri 300,2 Ponteggi 300,2 1 Ponteggi in legname 300. 2 2 Ponteggi in altro materiale 302,3 Trasporto dei materiali 303. 3 1 Castelli per elevatori 303,3 2 Impalcati e parapetti dei castelli 303. 3 3 Montaggio degli elevatori 303,3 4 Sollevamento di materiali dagli scavi 304. ALLEGATO XIX 305, VERIFICHE DI SICUREZZA DEI PONTEGGI METALLICI FISSI 305.
1 VERIFICHE DEGLI ELEMENTI DI PONTEGGIO PRIMA DI OGNI MONTAGGIO 306. A PONTEGGI METALLICI A TELAI PREFABBRICATI 306, B PONTEGGI METALLICI A MONTANTI E TRAVERSI PREFABBRICATI 310. C PONTEGGI METALLICI A TUBI E GIUNTI 315,ALLEGATO XX 320. A COSTRUZIONE E IMPIEGO DI SCALE PORTATILI 320, B AUTORIZZAZIONE AI LABORATORI DI CERTIFICAZIONE concernenti ad esempio scale puntelli. ponti su ruote a torre e ponteggi 320,1 REQUISITI 320. 2 PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 321, 3 DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PER L AUTORIZZAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE 321.
4 PROCEDURA AUTORIZZATIVA 321,5 CONDIZIONI E VALIDITA DELL AUTORIZZAZIONE 321. 6 VERIFICHE 322,ALLEGATO XXI 323, ACCORDO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME SUI CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI. ADDETTI A LAVORI IN QUOTA 323, SOGGETTI FORMATORI DURATA INDIRIZZI E REQUISITI MINIMI DEI CORSI PER LAVORATORI E. PREPOSTI ADDETTI ALL USO DI ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA 323. INTRODUZIONE 323, SOGGETTI FORMATORI DURATA INDIRIZZI E REQUISITI MINIMI DEI CORSI DI FORMAZIONE. TEORICO PRATICO PER LAVORATORI E PREPOSTI ADDETTI AL MONTAGGIO SMONTAGGIO. TRASFORMAZIONE DI PONTEGGI 323, 1 INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI FORMATORI E SISTEMA DI ACCREDITAMENTO 323.
2 INDIVIDUAZIONE E REQUISITI DEI DOCENTI 323,3 INDIRIZZI E REQUISITI MINIMI DEI CORSI 324. 3 1 ORGANIZZAZIONE 324,3 2 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO 324. 3 3 METODOLOGIA DIDATTICA 324, Aggiornamento del D Lgs 81 08 www puntosicuro it vers 9 1 02 12 2009 Pagina 14 di 398. a cura di Rolando Dubini avvocato, D lgs 9 aprile 2008 n 81 integrato con il Decreto legislativo n 106 2009. 4 PROGRAMMA DEI CORSI 324,5 VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE 325.
6 MODULO DI AGGIORNAMENTO 325, 7 REGISTRAZIONE SUL LIBRETTO FORMATIVO DEL CITTADINO 325. SOGGETTI FORMATORI DURATA INDIRIZZI E REQUISITI MINIMI DEI CORSI DI FORMAZIONE. TEORICO PRATICO PER LAVORATORI ADDETTI AI SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO. MEDIANTE FUNI art 10 bis comma 4 del Titolo 100 325. 1 INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI FORMATORI E SISTEMA DI ACCREDITAMENTO 325. 2 INDIVIDUAZIONE E REQUISITI DEI DOCENTI 326,3 DESTINATARI DEI CORSI 326. 4 INDIRIZZI E REQUISITI MINIMI DEI CORSI 326,4 1 ORGANIZZAZIONE 326. 4 2 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO 326,4 3 METODOLOGIA DIDATTICA 327. 5 PROGRAMMA DEI CORSI PER LAVORATORI 327,6 VALUTAZIONE E CERTIFICAZIONE 328.
7 MODULO DI AGGIORNAMENTO 329, 8 REGISTRAZIONE SUL LIBRETTO FORMATIVO DEL CITTADINO 329. MODULO DI FORMAZIONE SPECIFICO TEORICO PRATICO PER PREPOSTI CON FUNZIONE DI. SORVEGLIANZA DEI LAVORI ADDETTI AI SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI. art 116 comma 4 329,ALLEGATO XXII 331,CONTENUTI MINIMI DEL Pi M U S 331. ALLEGATO XXIII 333,DEROGA AMMESSA PER I PONTI SU RUOTE A TORRE 333. ALLEGATO XXIV 334, PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SEGNALETICA DI SICUREZZA 334. 1 CONSIDERAZIONI PRELIMINARI 334,2 MODI DI SEGNALAZIONE 334.
2 1 Segnalazione permanente 334, 3 INTERCAMBIABILITA E COMPLEMENTARITA DELLA SEGNALETICA 334. 4 COLORI DI SICUREZZA 335,ALLEGATO XXV 337, PRESCRIZIONI GENERALI PER I CARTELLI SEGNALETICI 337. 1 Caratteristiche intrinseche 337,2 Condizioni d impiego 337. 3 Cartelli da utilizzare 338, 3 1 Cartelli di divieto Caratteristiche intrinseche 338. 3 2 Cartelli di avvertimento Caratteristiche intrinseche 339. 3 3 Cartelli di prescrizione Caratteristiche intrinseche 340. 3 4 Cartelli di salvataggio Caratteristiche intrinseche 341. 3 5 Cartelli per le attrezzature antincendio Caratteristiche intrinseche 343. Aggiornamento del D Lgs 81 08 www puntosicuro it vers 9 1 02 12 2009 Pagina 15 di 398.

Related Books

Towards a more comprehensive concept for prebiotics

Towards a more comprehensive concept for prebiotics

to introducing single microorganisms or ... limited number of indigenous bacteria FOS tGOS ... IMO, lactulose, pyrodextrins, dietary

SECRETS TO UNLOCK - d22bbllmj4tvv8.cloudfront.net

SECRETS TO UNLOCK d22bbllmj4tvv8 cloudfront net

All names, characters, places, or incidents references in The Art of Executive Coaching: Secrets to Unlock Leadership Performance are fictional, and any resemblance to actual persons, entities, places, events, or incidents is coincidental. Further, The Art of Executive Coaching

FOSDEM 2020 Schedule

FOSDEM 2020 Schedule

13:45 extending catalog zones Designing functional and friends objects with functional objects 14:00 The Hidden Early History of Unix How Containers and Kubernetes re-defined the GNU/Linux Operating System Kapow! A Web Framework for the Shell JMC & JFR - 2020 Vision The Different Ways of Rethinking kubernetes Minimizing ANY networking with SRv6 and Contiv-VPP Leveraging Open Source Designs ...

Building Information Model (BIM) Standards Manual

Building Information Model BIM Standards Manual

The Dormitory Authority of the State of New York (DASNY) Building Information Model (BIM) Standards Manual describes the processes, procedures, and requirements that should be followed for the preparation and submission of BIM on all projects. If conflicts or discrepancies arise between this manual and the

GUIDELINES FOR CONTROLLING THE VECTORS OF INTRODUCTION ...

GUIDELINES FOR CONTROLLING THE VECTORS OF INTRODUCTION

MEDITERRANEAN OF NON-INDIGENOUS ... 1.1 The IMO Convention on the Control of ... the transfer of microorganisms,including pathogens,which exceed concentrations of ...

I. Position Information - UNDP

I Position Information UNDP

Accounting and Finance. University Degree in Finance, Business or Public Administration desirable, but it is not a requirement. Part-qualified accountants from an internationally recognized institute of accountancy will have a distinct advantage. Shortlisted candidates will be required to pass UNDP Accountancy and Finance Test Experience:

BOOK iNSTRUCTION w - PFAFF

BOOK iNSTRUCTION w PFAFF

Make sure stop motion knob b is tightened before you begin sewing (clockwise as indicated by white arrow). Whenever you hove to turn balance wheel a, turn it toward you (counter-clockwise as shown by black orrow). Never run o threaded machine unless you have fabric under the presser foot. The machine will feed the material under the sewing foot automatically. All you have to do is guide the ...

Translocation and Surface Expression of Lipidated ...

Translocation and Surface Expression of Lipidated

?ed into serogroups based on structural differences of the capsule. ... ganization that consists of three functional regions. Regions 1 and 3 are conserved between organisms expressing the group II capsule and, in most cases, ?ank region 2, which encodes species- and serotype-speci?c biosynthesis genes (3, 37, 54). As an example, region 3 of E. coli K1 encodes kpsMT, which assemble to ...

Service Oriented Architecture with Java - 123seminarsonly.com

Service Oriented Architecture with Java 123seminarsonly com

This book will help you learn the importance of designing a sound architecture for successful implementation of any business solution, different types of C/S architecture, and various tenets of SOA, explaining the fundamentals and explaining the advantage of using the Service Oriented Architecture in designing of the business solution. From a

A. W. TOZER THAT INCREDIBLE CHRISTIAN - timanstine.com

A W TOZER THAT INCREDIBLE CHRISTIAN timanstine com

A. W. TOZER ... 1. That Incredible Christian 2 2. Time Cannot Help Us 3 3. What It Means to Accept Christ 4 ... Faith rests upon the character of God,